Torna a Ludika 1243 Claudio Bastoni

Claudio Bastoni, musicista viterbese, affermatosi in Italia soprattutto per uno stile molto ispirato ad atmosfere fantasy e sognanti, punto di rilievo della sua produzione musicale, sarà presente anche quest’anno a Ludika 1243.

Artista viterbese, classe ’86, ha imparato a suonare e cantare da autodidatta all’età di 16 anni. Ha suonato con gruppi di differente genere musicale fino all’inizio della carriera solista, avvenuta nel 2015 con il cd di esordio “A Journey in Westeros”, ispirato alle musiche della serie fantasy Il Trono di Spade, che gli ha permesso di esibirsi al raduno nazionale della serie tenutosi a Firenze il 5 ed il 6 dicembre dello stesso anno. Proprio a Ludika ha già partecipato nel 2016, con l’evento A Journey in Westeros live, in cui ha presentato dal vivo i pezzi dell’album.

Dal 2016 al 2017 ha presentato il programma Binge-Serial Time su Radio Verde, dove ha suonato pezzi live tratti dalle più famose serie televisive e dai film fantasy, esperienza dalla quale è scaturito il secondo cd #Serialtime Part 1, raccolta delle cover suonate nel programma.

Quest’anno a Ludika presenta il suo primo EP di inediti “Il cowboy dal Mondo Esterno”, contenente 6 pezzi (di cui uno live) rigorosamente acustici che spaziano dalle storie d’amore fino a temi fantasy e horror. Tra essi la canzone “La finestra!” tratto da un racconto dello scrittore H.P. Lovecraft e “The Sword and the Arrow (a Game of Thrones story)” ispirata alla famosa serie targata HBO, che presenterà per la prima volta proprio a Ludika.

Potete seguirlo sulle sue pagine social www.facebook.com/claudiobastoniartist e www.instagram.com/claudio_bastoni

La Scuola d’Arme Fiore dei Liberi e la Compagnia del Bardo


Ludika 1243
è sempre stata una festa che vuole giocare con la storia, cogliere lo spirito del medioevo e della tradizione antica e rielaborarla, trasportarla in un’atmosfera di fantasia e di puro gioco e intrattenimento ludico, attraverso le rivisitazioni teatrali, giullaresche, degli artisti di strada che formano il cuore pulsante del nostro festival all’aperto, senza mire di filologia o di ricostruzione storica; eppure, anche se con questo approccio ben chiaro, la presenza delle vere tradizioni storiche è sempre stato un marchio identificativo della manifestazione; tradizioni con le quali ci confrontiamo continuamente, e dalle quali ci piace imparare, per cogliere differenze, evoluzioni, storie. Per conoscere da dove veniamo, insomma, e imparare da questa visione.

Scuola d’Arme “Fiore dei Liberi”

Il Magistro Andrea Conti darà dimostrazione del lavoro svolto nella Scuola in cui esercita la sua attività di Insegnante di Scherma Storica, una disciplina sportiva che ambisce a far rinascere le tecniche usate dai vari Maestri che vengono studiati nella Scuola; la principale di queste tecniche, il “Fiore dei Liberi”, dà il nome alla scuola stessa.

 

 

La scuola sarà presente a Ludika 1243 venerdì 7, sabato 8 e domenica 9, con le sue attività e con un punto staff  per tutte le informazioni riguardanti la scuola.

“La Compagnia del Bardo”

Gruppo di improvvisazione scenica a tema scherma e combattimenti, si occuperà dell’intrattenimento del pubblico attraverso piccole scene improvvisate, ispirate a storie sulla Guerra Santa, racconti di viaggi avventurosi o anche, secondo  del momento, a storie di natura goliardica. 

Sarà poi presente per tutta la settimana il gruppo grv che prende il nome dalla Compagnia stessa, dunque “La Compagnia del Bardo”, per organizzare attività di gioco di ruolo dal vivo aperte a tutti

A.D. 1243 – L’ultimo assedio; Il nostro romanzo storico

1a-ad1237. Sono gli anni dei contrasti tra l’impero e i comuni sostenuti dal papato, lotte intestine che spaccheranno le città, dividendo i padri dai figli,i fratelli dai fratelli.
A Viterbo, Giacinta Brettoni, giovane nobile di parte guelfa, è destinata al convento fin dalla nascita, ma l’avversa fortuna della famiglia la porterà a rinunciare al velo per diventare moglie di un nuovo ricco della città. Nel frattempo, il poeta siciliano Jacopo degli Altofonte viene convocato alla corte di Federico II e l’iniziale meraviglia si trasformerà in angoscia quando s’innamora perdutamente di Selvaggia, figlia naturale del sovrano e destinata in sposa all’uomo più crudele del suo tempo. Alle loro storie si unisce quella di Guido, speziale lombardo in fuga con la famiglia da Lodi dopo che la città si arrese all’impero.
Amori infelici, rocambolesche fughe e impetuose battaglie si intrecciano in un romanzo corale in cui le vicende di tutti finiranno per convergere proprio nella città di Viterbo, culminando nella battaglia in cui lavalorosa cittadina fronteggerà l’immenso esercito i
mperiale. 
Gli epici giorni dell’anno domini 1243, l’ultimo assedio di Viterbo.
Questa la sinossi di A.D. 1243 – L’ultimo assedio, avvincente romanzo storico degli autori Marta Tempra e Furio Thot, che racconta un periodo cruciale per la storia di Viterbo, un tempo in cui la nostra città era fulcro pulsante della vita politica ed economica del centro italia, fra conflitti politici e religiosi e guerre di conquista; e ovviamente un periodo importantissimo anche per Ludika 1243, dove ogni anno è proprio quel momento storico a rivivere, soprattutto nel giocoso assedio ricostruito come festa popolare a chiusura della manifestazione.
Vi aspettiamo quindi per parlare del libro durante il nostro festival, e per rivivere la storia di cui tratta direttamente sul campo di battaglia!